We are heading towards the future

 

Inaugurazione nuova sede Gardenfrutta nell'Interporto Quadrante Europa - 5 settembre 2015

INFORMAZIONI AZIENDA E STRUTTURA GARDEN FRUTTA

Garden Frutta è un’azienda famigliare che nasce nel 1987. La famiglia Mosca originariamente si occupa solo di produzione di fragole e frutti di bosco (che rimangono ancora oggi il prodotto principale dell’azienda).
Le importazioni sono dirette, la vendita avviene non solo a livello italiano ma inizia anche ad espandersi a livello europeo, in questo modo l’azienda assume un carattere importante anche a livello internazionale. Il team è composto dalla seconda generazione (un gruppo di cugini) e da alcuni collaboratori esterni.

IDEA NUOVA STRUTTURA
Sulla base di questo sviluppo e questa crescita, nel 2012 si è pensato di creare una nuova struttura la cui progettazione è iniziata nel 2013.
È stato acquistato un terreno di circa 10.000 m2 all'interno dell'Interporto Quadrante Europa, zona logisticamente strategica e snodo rilevante a livello europeo.
La struttura di ca. 5000 m2, realizzata in 18 mesi, è all’avanguardia e completamente refrigerata: all’interno vi è una sala di lavorazione e confezionamento per le fragole e la frutta di bosco con 70 postazioni; ci sono celle a diverse temperature, in base al tipo di prodotti.
Tutto questo consente di aumentare la capacità produttiva, rafforzare la presenza sul mercato nazionale e consolidare quella a livello internazionale sia per quanto riguarda la categoria del bosco che quella dell’esotico.

 

 

COMUNICATO STAMPA - Serata UIR per Expo 2015

                                                   CASA DEGLI ATELLANI 20 maggio 2015
                                                        Serata Inaugurale UIR per Expo


Si è tenuta ieri sera, nella cornice di Casa degli Atellani a Milano, la serata di gala che ha presentato il programma di eventi dell’Unione Interporti Riuniti (UIR) all’interno di Expo 2015.
Alla presenza di numerose delegazioni diplomatiche, top manager italiani e stranieri, il Presidente UIR Matteo Gasparato ed il dott. Nicola Cilento di Confagricoltura hanno presentato l’iniziativa denominata “Sviluppo e consolidamento del progetto UIR - Unione Interporti Riuniti per Expo 2015”, creata in partnership tra UIR e Confagricoltura.
Tale progetto prevede la partecipazione degli interporti a due eventi all’interno di Expo, nell’auditorium del Padiglione Italia ospitati da Confagricoltura, ed a giornate-evento fuori Expo, in cui gli interporti apriranno le proprie “porte” al pubblico.
Il 21 aprile 2015 è stato siglato un Protocollo d’Intesa tra le due associazioni, il quale pone le basi per lo sviluppo di un proficuo percorso futuro di collaborazione ed interscambio, a partire dall’esposizione universale di Milano.
UIR, in quanto associazione nazionale di categoria che riunisce la totalità degli interporti italiani, si pone il compito di individuare i temi più importanti e necessari per lo sviluppo del sistema logistico e trasportistico nazionale, al fine di potenziare la filiera del settore agroalimentare del nostro Paese, per massimizzare il reddito delle colture agricole. Si adopererà inoltre nella divulgazione dei risultati ottenuti in collaborazione con Confagricoltura per poter informare il maggior numero possibile di produttori e consumatori.
Deve essere infatti ricercata ogni sinergia possibile tra sistema produttivo agroalimentare e sistema infrastrutturale, cercando di costruire un più stretto collegamento tra innovazione e imprese agricole al fine di favorire una più efficiente circolazione delle merci, spesso deperibili o che necessitano di un sistema di trasporto efficiente e affidabile.
Il tema ricorrente sarà quindi l’approfondimento del dibattito relativo al sistema italiano della logistica per la filiera agroalimentare, in modo da pervenire a proposte ed azioni comuni, quali ad esempio nuovi sistemi di tracciamento delle merci che riducano il carico burocratico sulle imprese, una maggiore semplificazione dei diversi passaggi autorizzativi e documentali, abbattimento dei costi operativi ed una miglior salvaguardia dei prodotti.
I due eventi in Expo avranno come focus principale i due temi su cui si fonda la manifestazione universale. Il 26 giugno in mattinata si terrà l’evento dal titolo “Energia per la vita – gli interporti italiani: l’eccellenza della logistica a sostegno delle risorse energetiche”.
A completamento delle tematiche proposte da Expo, l’8 settembre nel pomeriggio si svolgerà l’evento dal titolo “Nutrire il pianeta – gli interporti italiani: l’eccellenza delle infrastrutture italiane a sostegno della qualità del prodotto agroalimentare”.
La serata è stata condotta da Daniela Vergara, volto noto del TG2, ed ha visto inoltre gli interventi di Laura Rossi, Presidente LRI – Welcome Italy, Rocco Pozzuolo, Presidente Federazione Italiana Cuochi, e la dott.ssa Sara Farnetti, specialista in Medicina Interna, nutrizione funzionale e metabolismo.

 

 

CONVEGNO 9 luglio 2014

 

 

LA SPEZIA: GATEWAY - PORT PER IL NORD ITALIA

La Spezia, un sistema di eccellenza quale modello di riferimento per la portualità.

Presentazione dello Studio, realizzato dal Centro di Ricerca sulla Logistica dell'Università Carlo Cattaneo LIUC, contenente riflessioni e case history sul modello organizzativo che caratterizza "Il Sistema La Spezia" e che ha consentito al Porto di raggiungere un ruolo di primo piano nell'attività marittima nazionale.

 

PROGRAMMA CONVEGNO

9.30  Registrazione partecipanti e welcome coffee

10.00 Apertura lavori Prof. Sergio Bologna

10.00 - 10.30 Relazioni di apertura:
Matteo Gasparato, Presidente Consorzio ZAI – Interporto Quadrante Europa di Verona
Lorenzo Forcieri, Presidente Autorità Portuale di La Spezia

10.30 Coffee break

11.00 – 11.30  Presentazione dello studio “La Spezia: un sistema di eccellenza quale modello di riferimento per la portualità”, da parte dei due autori Sergio Curi e Fabrizio Dallari

11.30 – 13.00   A seguire tavola rotonda con:

Nereo Marcucci, Presidente nazionale Confetra

Michele Giromini, AD terminal Contship di La Spezia

Federica Ceccato, Direttore Terminali Italia di Verona

Giorgio Bucchioni, Presidente Confindustria La Spezia  

Alessandro Laghezza, Presidente Associazione Spedizionieri di La Spezia

Maurizio Veghini, Presidente AVAS Verona

Antonio Vitale, Direttore Ufficio Dogane Verona

Elvio La Tassa, Direttore Ufficio Dogane La Spezia



La tavola verrà moderata da: Giancarlo Montagnoli, consigliere Consorzio ZAI.

Ore 13.30 Buffet Lunch

COMUNICATO STAMPA 15^ Edizione della Fiera Transport Logistic a Monaco

Consorzio Zai  Interporto  Quadrante Europa alla 15a Edizione della Fiera Transport Logistic a Monaco.

Presentazione progetto Easyconnecting e programma eventi in occasione di EXPO 2015

 

 

(da sinistra: Ferdinando Albini, Vice Presidente Consorzio ZAI; Luigi Zanin, Regione Veneto; Roberto Tosetto, Direttore Interporto Padova)

 Si è aperta a Monaco la 15. Edizione della Fiera Transport Logistic, il più grande salone internazionale della Logistica con 2.050 espositori da 62 Paesi. All'interno dei 100.000 mq di area espositiva (su 9 padiglioni più gli spazi esterni) verranno presentate novità, servizi e prodotti nell'ambito dei trasporti e della logistica.

L'Interporto di Verona, in collaborazione con l'Interporto di Padova, rappresenta il sistema degli interporti del Veneto a Monaco, assieme alla Regione Veneto. Per l'Interporto di Verona presenti il consigliere Albini e il consigliere Mariotti.

In questa prestigiosa cornice la Regione Veneto ha presentato il progetto  EASYCONNECTING.

EASYCONNECTING è stato pensato e sviluppato con gli obiettivi specifici di incrementare le attività di cooperazione in tutta l'area IPA per trovare soluzioni comuni alle sfide per migliorare le infrastrutture ei servizi di trasporto merci.

In particolare, il progetto mira a soddisfare e attuare sul campo le nuove politiche di trasporto europee e le raccomandazioni (orientamenti TEN-T 2011 Libro bianco sui trasporti) per i principali corridoi di trasporto delle merci con l'obiettivo di assicurarne una gestione efficace e partecipe di tutte le parti interessate, incentivando il ruolo dei porti e piattaforme logistiche.

Nella stessa occasione, l’Interporto Quadrante Europa di Verona e l’Interporto di Padova hanno presentato il programma di eventi che organizzeranno in ambito UIR (Unione Interporti Riuniti) in occasione di EXPO 2015. Infatti UIR, in collaborazione con Confagricoltura, ha organizzato una serie di eventi divulgativi raggruppati con la denominazione comune di “Sviluppo e consolidamento del progetto UIR per EXPO 2015”.  Tra questi, saranno organizzati due workshop presso il Padiglione Italia legati alla relazione esistente tra gli interporti ed i temi promossi da Expo: il 26/6 “Energia per la vita – l'organizzazione interportuale per le vecchie e le nuove frontiere dell'energia”, e l’8/9 “L'eccellenza delle infrastrutture italiane a sostegno della qualità del prodotto”. In entrambi i workshop saranno dibattuti i più recenti sviluppi in ambito interportuale sulle tematiche energetiche e della filiera dell’agroalimentare.

Gli obiettivi di questa serie di iniziative di UIR, presieduta da Matteo Gasparato, consistono principalmente nell’evidenziare la dinamicità del settore interportuale in un momento di profonda trasformazione del settore, ed una sempre maggiore attenzione del sistema infrastrutturale agli aspetti della sostenibilità e dell’innovazione.

 

 

 

IVECO CHECK STOP presso l' Interporto Quadrante Europa dal 23 al 27 giugno 2014

 

Al via la campagna per la sicurezza stradale Iveco Check Stop che offre un servizio gratuito di controllo
sullo stato di vigilanza dell’autista e di verifica delle funzionalità del mezzo.

Iveco si prende cura della sicurezza degli autotrasportatori e dei loro mezzi: è questo in sintesi il messaggio della campagna “Iveco Check Stop” l’iniziativa che, a partire da oggi a Torino e per cinque tappe distribuite su tutto il territorio nazionale, offrirà un servizio gratuito di controllo sullo stato di vigilanza, sonnolenza e fatica dell’autista e di verifica delle funzionalità primarie del veicolo.
Attivata in collaborazione con il Dipartimento di Neuroscienze (DINOGMI) dell’Università degli Studi di Genova e patrocinata dal Ministero dei Trasporti, dall’Associazione Italiana Medici del Sonno, dal Dipartimento di Scienze della Salute (DISSAL) dell’Università di Genova e dall’Unione Interporti Riuniti, Iveco Check Stop prevede  l’allestimento di specifiche aree di servizio su cui sarà posizionato uno speciale veicolo hospitality agganciato a un Iveco Stralis Hi-Way, veicolo della gamma pesante Iveco, al cui interno sarà allestita una sala medica per effettuare le visite.
L’area sarà attrezzata per il check-up medico e, nello specifico, per il controllo di tutti i sintomi e i segni che contribuiscono a identificare un disturbo del sonno o della vigilanza che comportano sonnolenza alla guida.

Sono sei, in particolare, le tappe nazionali previste dal progetto:

Torino Magazzino Kuene+Nagel 10-12 giugno

Novara CIM Spa Interporto 16-20 giugno

Verona Interporto Quadrante Europa 23-27 giugno

Bologna Interporto di Bologna 30 giugno – 4 luglio

Roma Area di Servizio Prenestina Est 9-10 luglio

Nola Interporto Campano 14-18 luglio

Gli autotrasportatori potranno sottoporsi a un test completamente anonimo e gratuito sulle problematiche legate al sonno, come l’eccessiva sonnolenza diurna, l’insonnia, le apnee notturne, che verrà effettuato da personale medico altamente qualificato dell’Università di Genova (DINOGMI).
Al termine, riceveranno informazioni relative alle buone norme di comportamento per un sonno corretto ed eventuali consigli per un corretto approccio nel sospetto di presenza di patologie del sonno.
All’esterno, sarà invece allestita una zona tecnica per effettuare un check sull’apparato anteriore e posteriore di illuminazione del veicolo, con eventuale sostituzione gratuita di componenti non funzionati e misurazione della profondità del battistrada degli pneumatici, indice della loro usura e dunque conseguente causa di incidenti stradali.
Con Iveco Check Stop, Iveco conferma ancora una volta il proprio impegno rivolto al tema della sicurezza stradale. L’iniziativa si inserisce nell’ambito delle iniziative di sostenibilità dell’azienda, brand del Gruppo CNH Industrial che, anche nel 2013, si è confermata Sector Leader negli indici Dow Jones Sustainability World e Europe.
Per il secondo anno consecutivo, Iveco, insieme agli altri brand di CNH Industrial, ha inoltre in attivo una collaborazione con la Federazione Internazionale dell’Automobile (FIA), per sostenere, in qualità di “Official Suppliers”, la campagna FIA Action for Road Safety, che intende sensibilizzare ed educare a un comportamento di guida più sicuro, al fine di salvare vite umane sulle strade di tutto il mondo.

Lanciata l'11 maggio 2011 a sostegno del progetto delle Nazioni Unite Decade of Action for Road Safety (2011-2020), l'iniziativa della FIA ha ricevuto il sostegno entusiasta da parte della comunità degli sport motoristici, dei membri dei governi e dei decision makers globali.


Iveco e la sicurezza stradale
Iveco Check Stop affronta il tema della sicurezza stradale a 360°, prendendo in considerazione sia i
fattori umani che possono determinare un rischio di incidente stradale, come la sonnolenza alla guida, sia quelli derivanti dall’interazione tra infrastrutture, autista e veicolo, che possono impattare sulla sicurezza preventiva, attiva e passiva.
Ogni anno 1,3 milioni di persone sono vittime di incidenti letali e quasi 50 milioni di persone restano ferite in incidenti stradali. L'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) stima che, se non si interverrà per risolvere questo problema, entro il 2030 gli incidenti stradali saranno la quinta causa di morte più comune del pianeta, con una previsione di oltre 2 milioni di decessi all'anno.
Se da un lato recenti studi confermano che l’eccessiva sonnolenza diurna alla guida è causa e/o concausa del 22% degli incidenti stradali ed è una delle principali cause di incidenti mortali che si verificano in autostrada, è altrettanto vero che l’interazione tra autista, alla guida di mezzi di ultima generazione, sottoposti a costanti controlli tecnici di manutenzione, che viaggiano su infrastrutture stradali moderne, risulta un elemento preventivo non trascurabile.
La sicurezza rappresenta per Iveco, e per tutti i brand di CNH Industrial, un valore fondamentale: la tecnologia applicata ad avanzati sistemi di sicurezza è infatti uno strumento indispensabile alla salvaguardia del conducente, degli altri utenti della strada, del veicolo e del carico.
Il suo impegno continuo è visibile in tutta la sua gamma prodotto con soluzioni tecniche e tecnologiche offerte per la sicurezza preventiva, attiva e passiva.
Il Nuovo Daily, il leggero appena lanciato sui mercati europei, potenzia le sue prestazioni in termini di sicurezza: oltre all’Electronic Stability Program (ESP) di serie, il Nuovo Daily introduce contenuti di alto valore tecnologico, tra cui il Lane Departure Warning System (LDWS), che segnala acusticamente quando il veicolo esce dalle linee che delimitano la corsia di marcia senza che siano stati azionati gli indicatori di direzione. Un sistema che si rileva molto efficace nella prevenzione di incidenti dovuti a distrazioni o a colpi di sonno.
Inoltre, lo scorso anno, Il veicolo di punta della gamma pesante, lo Stralis Hi-Way, protagonista della
campagna Iveco Check Stop, è stato riconosciuto “International Truck of the Year 2013” da una giuria internazionale, per le sue caratteristiche anche in termini di sicurezza.


Sonnolenza, disturbi del sonno e rischio di incidenti
Studi recenti hanno messo in luce un alto tasso di incidenti legati ai colpi di sonno tra gli autotrasportatori professionisti. Questa categoria di utenti stradali presenta infatti un debito di sonno mediamente maggiore rispetto a tutte le altre, di norma a causa di un incremento delle ore di lavoro, dello stress o di un eccessivo incremento dell’attività extra lavorativa.
L’eccessiva sonnolenza alla guida è una delle principali cause di incidenti mortali che si verificano in autostrada. Per il suo benessere psicofisico, in media l’organismo necessita di dormire circa sette ore a notte. Riposare meno ore, a causa di errati stili di vita o di lavoro, aumenta di 1.8 volte il rischio di avere incidenti stradali causati dalla sonnolenza.
La “società delle 24 ore”, altamente tecnologica e informatizzata, ha accelerato a dismisura il ritmo della vita, limitando il tempo dedicato al sonno e aumentando le fonti di stress a scapito di benessere, vigilanza e attenzione. Gli effetti della sonnolenza possono esser paragonati a quelli dell’alcool: stare svegli per circa 17-18 ore provoca distrazioni e riduzione delle performance psicofisiche alla guida tanto quanto 0.5gr/l di alcool nel sangue; stare svegli per circa 24 ore provoca distrazioni pari a quelli provocati da 1gr/l di alcool nel sangue.
Gli incidenti causati da eccessiva sonnolenza si verificano generalmente di notte fra l’una e le sei del mattino, oppure nel primo pomeriggio. Durante la notte il cervello tende spontaneamente a dormire, mentre ha grande difficoltà a restare sveglio.
Tra le altre cause di eccessiva sonnolenza alla guida, la sindrome delle apnee ostruttive nel sonno (OSAS) è la più frequente patologia. Si stima infatti che in Italia ci siano circa 2 milioni di potenziali pazienti, che ancora non si sono sottoposti a un controllo: è fondamentale individuare i segni e i sintomi di questa patologia, soprattutto per chi svolge mansioni che richiedono un elevato livello di vigilanza e attenzione. A questa tra le cause, si aggiungono l’assunzione di alcool e di sostanze stupefacenti e di farmaci ad azione sedativa sul cervello, come alcuni antistaminici, antipertensivi e antinfiammatori, sedativi per la tosse, ansiolitici e antidepressivi e farmaci che facilitano il sonno.

Iveco
Iveco è un brand di CNH Industrial N.V., un leader globale nel settore dei capital goods, quotato al New
York Stock Exchange (NYSE: CNHI) e sul Mercato Telematico Azionario, organizzato e gestito da Borsa
Italiana (MI: CNHI). Iveco progetta, costruisce e commercializza un’ampia gamma di veicoli commerciali
leggeri, medi e pesanti, mezzi cava/cantiere, autobus urbani e interurbani e veicoli speciali per applicazioni
quali l’antincendio, le missioni fuoristrada, la difesa e la protezione civile. Con oltre 27.000 dipendenti,
Iveco produce veicoli dotati delle più avanzate tecnologie in 11 paesi del mondo, in Europa, Asia, Africa,
Oceania e America Latina. Cinquemila punti di vendita e assistenza in più di 160 Paesi garantiscono
supporto tecnico ovunque ci sia un veicolo Iveco al lavoro.


Per maggiori informazioni contattare:
Ufficio Stampa Iveco – EMEA Region
This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.
www.ivecopress.com
Telefono +39 011 00 72122

INTERPORTO QUADRANTEA EUROPA AL TRANSPORT LOGISTIC A MONACO DI BAVIERA

                                                  

 

 

 

Interporto Quadrante Europa di Verona al Transport Logistic 2015

 

 L’Interporto Quadrante Europa di Verona sarà presente dal 5 all'8 maggio alla 15^ edizione di Transport Logistic a Monaco di Baviera, la più importante rassegna del settore a livello europeo, con un proprio spazio che condivide con l’Interporto Padova SpA nel padiglione B3 stand 121.

L’Interporto di Verona, trai primi tre interporti italiani e attualmente alla Presidenza di UIR (Unione Interporti Riuniti), illustrerà l’iniziativa UIR PER EXPO 2015, L’ECCELLENZA DELLE INFRASTRUTTURE ITALIANE A SOSTEGNO DELLA QUALITA’ che ha l’obiettivo di far conoscere ed apprezzare nel mondo l’organi

zzazione e le risorse strutturali del sistema dei centri intermodali italiani e gode del patrocinio di EXPO 2015.

Al Transport Logistic partecipano 2040 aziende espositrici provenienti da 62 Paesi, su una superficie che, tra i 9 padiglioni e le aree scoperte arriva a 110mila mq con numero di espositori in crescit,a in particolare nei segmenti della logistica marittima e del trasporto ferroviario cargo.

L'Italia come numero di aziende espositrici è al terzo posto dopo Germania e Olanda a conferma del ruolo  fondamentale che le imprese del settore svolgono a sostegno dell'economia nazionale.

 

 

Olandiamo: "Netherlands-Italian Workshop & Matchmaking Logistics" - 28 maggio 2014

Si intitola Netherlands-Italian Workshop & Matchmaking Logistics. Sviluppi, soluzioni innovative e opportunità di business l’evento promosso da Ambasciata e Consolato Generale del Regno dei Paesi Bassi in Italia e da Consorzio ZAI Interporto Quadrante Europa di Verona, in programma mercoledì 28 maggio dalle 8.45 all’Interporto Quadrante Europa

L’appuntamento, inserito nel programma di Olandiamo in Veneto, è parte di una missione commerciale a cui partecipano 12 aziende olandesi attive nei diversi comparti del settore trasporti e logistica, interessate ad avviare o intensificare i rapporti commerciali con partner italiani. Le aziende saranno a Verona da martedì 27 maggio, quando è in programma una visita all’Interporto.

La giornata del 28 maggio è divisa in una prima parte pubblica con interventi di massimi esperti provenienti da entrambi i Paesi che si confronteranno su temi cruciali come procedure di sdoganamento, logistica integrata, trasporto sostenibile, sincromodalità, serious gaming nella logistica e una tavola rotonda che metterà a confronto le esperienze italiane e olandesi sul trasporto merci. Nel pomeriggio invece avrà luogo la seconda parte di matchmaking, organizzata in collaborazione con Link2Italy, società di consulenza specializzata nell’internazionalizzazione, con incontri B2B tra le partecipanti olandesi e aziende italiane (già più di 30 le adesioni). Gli incontri, della durata ciascuno di circa 30 minuti, metteranno in relazione ogni azienda olandese con 7-12 potenziali partner italiani.

EXPO: CONFAGRICOLTURA E UNIONE INTERPORTI RIUNITI PER UNA LOGISTICA AL SERVIZIO DELLE IMPRESE AGROALIMENTARI

COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO
----------------------------------------------------
Roma, 27 aprile 2015


EXPO: CONFAGRICOLTURA E UNIONE INTERPORTI RIUNITI PER UNA
LOGISTICA AL SERVIZIO DELLE IMPRESE AGROALIMENTARI


Il sistema agroalimentare guarda con vivo interesse agli interporti, ovvero alle
strutture di interscambio delle merci (autotrasporto, ferrovia) e di interconnessione
con la GDO e le Dogane, costituite presso i principali centri urbani e di snodo del
Paese.
In tale ottica, il presidente di Confagricoltura Mario Guidi ed il presidente di Unione
Interporti Riuniti (UIR) Matteo Gasparato hanno firmato un protocollo d’intesa diretto
a svolgere iniziative comuni per valorizzare il sistema della logistica per la filiera
agroalimentare. Non a caso la partnership è stata siglata alla vigilia dell’Expo dove le
due associazioni realizzeranno, congiuntamente, incontri pubblici nell’Auditorium del
Padiglione Italia e altri momenti di dibattito presso la Vigna di Leonardo, la prestigiosa
location scelta da Confagricoltura per gli eventi fuori da Expo.


Confagricoltura e UIR intendono anche avviare una sinergia e sviluppare azioni comuni
per rendere sempre più funzionali i servizi connessi ai trasporti per i prodotti agricoli
ed alimentari. Tra l’altro, pensano a sistemi di tracciabilità delle merci che riducano il
carico burocratico sulle imprese, semplifichino le procedure burocratiche, di
autorizzazione e documentali, abbattano i costi e garantiscano la miglior salvaguardia
dei prodotti.
“Lavorare assieme è una priorità, tenendo ben a mente che agli imprenditori agricoli
stanno a cuore la globalizzazione, la competizione ed un rapporto efficace con la GDO
– ha osservato il presidente di Confagricoltura, Mario Guidi -. Consideriamo gli
interporti degli hub strategici per veicolare le merci e favorire l’intermodalità. Essi
fanno da collegamento essenziale tra aziende, GDO e Dogane razionalizzando,
velocizzando e semplificando l’allocazione dei prodotti trasportati e la loro
commercializzazione. Expo è la formidabile vetrina per ricordare quanto sia
indispensabile il sistema dei servizi alle imprese”.


“UIR e Confagricoltura hanno valutato strategica la collaborazione tra loro al fine di
approfondire la conoscenza delle esigenze di entrambe le associazioni – ha concluso il
presidente di UIR, Matteo Gasparato -. In tal senso intendono dare un significato
concreto agli impegni assunti con la sottoscrizione del protocollo d’intesa, cogliendo la
eccellente opportunità di condividere parte del cammino di Expo 2015, selezionando
spazi di approfondimento nell’ambito della manifestazione, all’interno dei quali far
convergere gli interessi dei propri associati. La partecipazione ad Expo è strategica
per UIR e Confagricoltura per far conoscere al mondo due eccellenze italiane che
rappresentano la logistica e l'agricoltura, due mondi che si incontrano mettendo a
frutto le loro capacità per creare sviluppo e lavoro”.

 

"Netherlands-Italian Workshop & Matchmaking Logistics" - 28 maggio 2014, Interporto Quadrante Europa

Read more...

Inaugurazione Mostra Fotografica "PRESENTE PASSANTE 2014" - 31 ottobre 2014

 

PRESENTE PASSANTE 2014

"Paesaggi fotografici contemporanei della Zona agricola industriale di Verona"

Venerdì 31 ottobre2014 - ore 18.00

Biblioteca Arturo Frinzi

 

Tre fotografi veronesi, Flavio Castellani, Denis Giusti e Vittorio Rossi presenteranno venerdì 31 ottobre, nella biblioteca centralizzata Arturo Frinzi, alle 18, la mostra “Presente Passante 2014”.

L’esposizione nasce dalla considerazione del grande patrimonio architettonico e storico della zona industriale di Verona che ha affascinato i fotografi. “Presente Passante 2014” è organizzata dal Consorzio Zai, dalla biblioteca centrale Arturo Frinzi, dall’Associazione Sant'Antonio onlus e da Verona Off.

 La mostra è un percorso che racconta un antichissimo territorio e le sue molte trasformazioni. La Zai rappresentata è, infatti, quella storica, cioè il primo nucleo di edifici sorti tra gli anni ’20 e ’50 del Novecento. Ognuno degli artisti ha interpretato, attraverso 60 immagini, 20 di ciascun autore, in modo personale e autonomo alcuni temi di questo suggestivo soggetto mettendo in evidenza i concetti di spazio e tempo attraverso i segni tangibili presenti sul territorio. Le opere fotografiche diventano un documento e la mostra un archivio nel quale è possibile studiare i cambiamenti di un territorio e vedere come il tessuto cittadino si stia rinnovando, ancora oggi, obbligato dalle nuove emergenze economiche.

“Presente e Passante non sarà mai un tempo verbale - spiega Daniela Brunelli, direttrice della biblioteca Frinzi - ma è un’espressione che efficacemente testimonia il mutamento continuo della più importante area agricolo industriale della città e che i tre autori delle foto hanno saputo cogliere con occhio sensibile.”

“Il progetto fotografico Presente Passante 2014 - aggiunge Silvano Bicocchi, critico fotografico - entra profondamente a contatto con la realtà della zona industriale Zai con lo scopo di contribuire a quell’elaborazione collettiva volta a formare nella società un senso della realtà adeguato all’importanza del fenomeno in atto che tanto influisce sul futuro della nostra società. Tutti e tre gli autori hanno affrontato il tema interpretando i segni dell’ambiente industriale con una propria soggettiva rappresentazione, significandolo con differenti modi di vedere il paesaggio.”

 

 

Delegazione israeliana in visita all'Interporto Quadrante Europa

Read more...